Contestualismoimmaginario's Blog


911 September Clues – L’EPILOGO
[livevideo id=0370E88B5AD945CDBDAFC7B6116AD141/631776/911-september-clues-l-epilogo-.aspx]
911 September Clues L’EPILOGO – (Sottotitoli ITALIANO) – 11 Settembre
Le bugie dell’11 settembre 2001
Fonte: LINK
I dubbi sull’11 settembre sono tantissimi. Più si scava in quella storia più ne vengono fuori. Ci sono alcuni documenti inoppugnabili che dimostrano l’impossibilità che le cose siano andate secondo la versione ufficiale. Eppure risposte chiare non se ne sono avute. E perchè era necessario raccontare bugie? Cosa c’era sotto? Se poi si va un po’ indietro nel tempo si scopre che nel 1997, Brzezinsky (“La Grande scacchiera”), afferma che è essenziale per il destino della merica occupare l’area strategica dell’Iraq e dell’Afghanistan, prima che la crescita della Cina possa far si che ne assuma il controllo diventando una potenza pari a quella americana. Gli Usa non possono assolutamente permettere il crescere di una superpotenza che , caduto il muro, contrasti la propria egemonia. Brzezinsky continua dicendo che il grosso problema sarà convincere il popolo americano, sempre più multiculturale, della necessità di una guerra. L’opinione pubblica si convincerebbe solo in presenza di un grave shock. Rileggere l’attentato dell’11 settembre, alla luce di quanto scritto in quel libro lascia davvero increduli. Ci si chiede: ” Dio mio, è mai possibile che gli americani abbiano organizzato tutto questo? “Certo ci rifiutiamo di crederlo, ma come è andata con Pearl harbour? Oramai è verità storica che l’attacco a Pearl Harbour fu indotto dagli stessi americani per convincere la popolazione ad entrare in guerra. Gli americani hanno sempre negato di conoscere il codice delle trasmissioni giapponesi. E’ documentato che gli americani invece lo conoscevano. Roosvelt sapeva che era essenziale per l’America impedire che la Germania divenisse troppo forte, ma la popolazione era contraria. << Non sono fatti nostri>>, si diceva. Roosvelt allora ordinò di fare in oriente una politica tale da costringere il Giappone all’attacco. Si dice ancora desso che gli americani furono colti di sorpresa perchè non conoscevano il cifrario per decrittare le trasmissioni nipponiche. Oramai ci sono prove che gli americani, invece, conoscessero benissimo il codice, per cui è assolutamente impossibile che i Giapponesi abbiano attaccato di sorpresa. Per gli americani il successo dell’operazione Nipponica era essenziale. E come andò con la guerra con Cuba? Furono sempre gli americani a creare il pretesto per l’attacco. Chi uccise Kennedy e diversi altri presidenti americani se non gli americani stessi? Martin Luther King? E i migliaia di negri linciati dal KKK non mille anni fa, ma 40 anni fa ancora? Ed allora perchè stupirsi? Gli americani hanno semplicemente proseguito con la loro politica imperialista ( il termine non mi piace, ma di meglio non mi viene per sintetizzare il concetto..beh, comunque ci siamo intesi!!). Prendetela come volete, ognuno si farà le sue convinzioni, io mi limiterò a proporre materiale raccolto in giro e che smentisce le versioni ufficiali. Poi ognuno tirerà le conclusioni che gli aggradano.by pummarulella

Un riassunto del riassunto. tratto da : freccia_blu.jpg In base ai fatti accertati in questa indagine, possiamo affermare che per credere alla versione ufficiale bisogna anche essere disposti a credere:

1 – … Che l’FBI sia stata in grado di identificare tutti e diciannove gli attentatori in meno di 48 ore, fornendo tanto di fotografia per ciascuno (per alcuni addirittura due), nonostante nessun nome arabo apparisse nelle liste passeggeri, ed almeno la metà di loro fosse del tutto sconosciuta alla autorità stesse, al momento degli attentati, per loro susseguente ammissione.

2 – … Che Osama bin Laden abbia ordito questa macchinazione infernale, la cui preparazione sarebbe durata cinque anni, a) puntando tutto sulla totale inesperienza dei suoi piloti/dirottatori, b) nonostante non avesse nessun motivo apparente per farlo, c) non abbia infatti mai rivendicato gli attentati, d) chi ne ha tratto ogni vantaggio sia stata la stessa amministrazione che lui voleva colpire, per quanto ne conoscesse a perfezione progetti geopolitici e interessi specifici.

3 – … Che le autorità americane, che hanno voluto mostrare infinite volte l’impatto degli aerei nelle Torri, non abbiano mai presentato al pubblico una sola immagine dell’aereo che si avvicinava al Pentagono, quando a) decine di telecamere avrebbero dovuto filmarlo, b) si sa per certo che di almeno due di queste i nastri siano stati sequestrati dall’ FBI, e c) la mancanza dei rottami del 757 sia proprio l’elemento su cui si fondano tutte le accuse rivolte all’amministrazione, a partire del libro-denuncia dello stesso Meyssan.

4 – … Che parimenti non abbiano saputo mostrare nessuna immagine di video-security dei dirottatori all’imbarco dei rispettivi voli, quando i dubbi sulle loro identità sono forse il secondo punto debole dell’intera versione ufficiale.

5 – … Che Mohamed Atta e Aziz Alomari, dopo anni di accurata preparazione, abbiano rischiato di vanificare la loro intera missione, andando a cercarsi – senza motivo apparente – una coincidenza aerea talmente stretta, che ha nel frattempo permesso agli investigatori di venire in possesso di preziosi elementi per l’indagine.

6 – … Che un dirottatore in procinto di morire scriva alla propria fidanzata – con la quale sta da 5 anni – sbagliando il suo indirizzo, ma si ricordi in compenso di mettere il proprio di ritorno, in caso di disguido postale. Ed in genere che un pò tutti i dirottatori, attenti e precisi come dovevano essere, abbiano saputo disseminare lungo il loro percorso soltanto copie del corano, documenti con le istruzioni per i morituri, e manuali di volo in quantità industriali.

7 …Che ben quattro piloti dilettanti, nemmeno tutti licenziati, con una pessima reputazione alle scuole di volo (per piccoli aerei da turismo), e che non si sono mai seduti prima ai comandi di un 757 o 767, siano stati perfettamente in grado di prenderne possesso in quota, di guidarli con sicurezza senza commettere il minimo errore, di orientarsi in cieli in cui non hanno mai volato (alcuni di loro non avevano mai volato del tutto), di ritrovare bersagli che si trovano a centinaia di miglia di distanza, e di centrare questi ultimi con freddezza e precisione assolute. Uno di loro in particolare, Hanjour, avrebbe fatto tutto questo compiendo alla fine una spettacolare cabrata di cui è capace solo un caccia militare, e poi una manovra di approccio (al Pentagono) tanto illogica quanto fisicamente impossibile per aerei di quelle dimensioni.

8 – … Che di otto piloti su otto – due piloti e co-piloti della American, altrettanti della United – nemmeno uno abbia fatto in tempo ad azionare il segnale di emergenza che indica a terra un dirottamento in corso. Corrisponde al pulsante che gli impiegati di banca hanno a portata di mano, per segnalare alla polizia un’eventuale rapina. Questa mancata segnalazione ha permesso alle autorità di allungare considerevolmente il periodo di tempo in cui possono sostenere di “non aver capito” che si trattasse di dirottamenti. Ma in realtà, dopo il primo dirottamento accertato, avrebbero dovuto comunque reagire immediatamente allo spegnimento del transponder negli altri tre. La cosa invece non è avvenuta.

9 – … Che quattro dirottatori, che volano a centinaia di miglia di distanza l’uno dall’altro, e che non siano collegati ad una regia esterna, siano in grado di compiere una determinata manovra in perfetta coordinazione con quella di un altro (impatto dell’uno, spegnimento transponder dell’altro), pur essendo partiti da scali diversi, in orari diversi da quelli previsti, ed essendo ovviamente impossibilitati a comunicare direttamente.

10 – …Che abbiano scelto in primo luogo una strategia così assurda, attendendo che ciascuno colpisse il suo bersaglio prima che l’altro entrasse in azione, con due di loro che si sono addirittura allontanati di 300 miglia dal bersaglio che già avevano a portata di mano. Una strategia che avrebbe potuto funzionare solo nel caso di un improvviso quanto improbabile stallo totale della difesa aerea americana.

11 – … Che la difesa aerea più sofisticata del mondo sia andata così convenientemente in stallo proprio in quelle due ore cruciali, non riuscendo in nessun modo a fermare, o anche solo ad abbordare, uno solo dei 4 aerei.

12 – … Che altrettanto convenientemente fosse in corso, proprio in quelle ore, e proprio in quei cieli, un’esercitazione assolutamente identica a ciò che stava davvero avvenendo ai quattro aerei dirottati. Questo infatti ha contribuito non poco ad aumentare il già notevole disorientamento dei controllori, civili e militari, causato da una serie di ordini contraddittori di cui non si è mai conosciuta l’origine.

13 – … Che di questo imbarazzante stallo non sia stata mai fornita nessuna spiegazione, nè risulti che sia stato punito, o anche solo individuato, un solo responsabile per quanto avvenuto. (Di solito, in situazioni come questa, avviene l’esatto contrario: si trova d’urgenza un capro espiatorio, da dare al più presto in pasto ai media.)

14 – … Che molti passeggeri abbiano compiuto telefonate in volo coi loro cellulari, quando questo si è dimostrato praticamente impossibile, per almeno tre motivi.

15 – … Che di un aereo schiantatosi al suolo, ma non colpito in aria (UA93), si possano trovare rottami e resti umani per un raggio di circa 8 miglia.

16 – … Che le autorità americane abbiano sostenuto – e continuino a sostenere – che WTC7 sia crollato per conto proprio, a causa di un semplice incendio, quando sono state smentite dallo stesso padrone del WTC Plaza, Larry Silverstein, che ne ha ammesso invece pubblicamente la demolizione controllata.

17 – … Che le stesse autorità sostengano che le Torri Gemelle siano crollate per il solo impatto degli aerei, e conseguenti incendi, quando a) il progetto prevedeva chiaramente che avrebbero potuto assorbire l’impatto di un grosso jet commerciale, b) per spiegarne il crollo passivo sia necessario violentare oltre ogni limite le leggi della fisica, ignorando soprattutto le proprietà di dispersione del calore dell’acciaio, e c) i reperti visivi e le testimonianze dirette degli stessi pompieri siano pesantemente a favore della demolizione controllata.

18 – … Che ulteriori leggi della fisica siano state sospese, permettendo ad un passaporto di normale cartoncino di sopravvivere ad una esplosione a circa 800 gradi centigradi, e che questo passaporto appartenesse proprio ad uno dei dirottatori.

19 – … Che il Pentagono sia stato colpito da un Boeing-757 carico di passeggeri e carburante, nonostante a) alcune foto, la cui autenticità è fuori dubbio, mostrino in maniera disarmante la totale assenza dei suoi relitti. b) sulla facciata ancora integra del Pentagono risulti solo un foro di entrata di non più di tre-quattro metri, c) 20 finestre su 26 di quella facciata avessero ancora i vetri intatti, dopo l’impatto, e d) esista un foro d’uscita, di dimensioni simili, addirittura all’interno del terzo anello del Pentagono, la cui origine non è mai stata spiegata da nessuno, e che rimane a tutt’oggi assolutamente inspiegabile.

20 – … Che nonostante la totale scomparsa dell’aereo sia stato possibile recuperare ed identificare i resti di quasi tutti i passeggeri, compreso quelli dei dirottatori. Ovvero, che acciaio e alluminio brucino, ma la carne umana no.

Queste sono solo le incongruenze più vistose della versione ufficiale, che abbiamo analizzato nelle pagine precedenti, ma la lista completa è lunga almeno dieci volte tanto.
Ma soprattutto ricordiamo che ad oggi non è stata fornita al mondo una sola prova che leghi Bin Laden o la sua presunta organizzazione agli attentati di quel giorno. E questo avviene quando diversi personaggi al vertice dell’amministrazione (John Ashcroft, Ministro di Giustizia, Theodore Olson, Procuratore Generale, Donald Rumsfeld, Ministro della Difesa) abbiano ripetutamente dichiarato che è assolutamente lecito, per un governo, mentire al mondo intero – nemici ed amici compresi – pur di raggiungere i propri fini.

Per quale motivo dovremmo allora credere ad una versione ufficiale che già non sta in piedi da sola, quando questa è servita proprio come piattaforma per perseguire apertamente quelli che possono di certo essere definiti “i loro fini”?

Il miglior sito  italiano sull’11 settembre: http://www.luogomune.net

Annunci

Lascia un commento so far
Lascia un commento



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: